150 volte GRAZIE

.

.

Un GRAZIE ad ogni singolo partecipante alle nostre giornate formative.

GRAZIE per il calore che ci avete dato.

GRAZIE per come vi siete fatti coinvolgere dalle nostre follie. Follie che ci servono per capire come procedere per creare una montagna nuova, una montagna di tutti che però sia in grado di dare la dignità che merita a chi in montagna vive.

Tanti gli interventi ascoltati a cui sono seguite quelle discussioni critiche necessarie affinché nascano proposte condivise che proviamo a riportare ai decisori politici affinché la voce di una montagna che resiste non rischi di perire sotto il peso del silenzio colpevole di tutti.

Oltreterra cerca sempre di operare seguendo quelle scuole di pensiero, a volte colpevolmente dimenticate, che credono che per costruire bene cose buone, bisogna prima capire e poi fare, in prima persona. Ci piace ricordare i richiami della cultura della montagna di Rumiz, delle costanti sfide di Carlo Petrini ma anche della scuola del fare di Don Milani e, per noi che viviamo nelle terre della Romagna Toscana, di Don Giulio Facibeni e di Don Carlo Zaccaro che al trasferimento del sapere alle nuove generazioni hanno dedicato la vita.

Un GRAZIE, come sempre, al Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e a Romagna Acque – Società delle Fonti per il loro costante sostegno all’iniziativa e a tutti i partner che partecipano alla riuscita di questa folle impresa come CREA, PEFC, MASAF, UNIFI, AlberItalia, UNCEM, CNR, SISEF e scusateci se ci dimentichiamo di qualcuno.

GRAZIE a Legambiente che mette anima e corpo nella riuscita dell’evento e alla Cooperativa Fare del Bene che ci permette di farvi stare bene in questi giorni di permanenza nell’alto Bidente.

Buona montagna a tutti e AVANTI … senza tentennamenti, come abbiamo sempre cercato di fare in questi anni.

Lo Staff di Oltreterra.

Al link riportato di seguito trovate le presentazioni e le relazioni delle giornate di lavoro.